lunedì 7 novembre 2011

Trappola d'Acciaio, di Luis Cámara (Germania 2007)

Trama: Durante una festa di capodanno ambientata in un grattacielo abbandonato, sette persone vengono invitate ad un party privato organizzato, all'insaputa di tutti, nello stesso edificio. In realtà l'evento è una trappola organizzata allo scopo di eliminare, ad uno ad uno, i malcapitati...



Il titolo completo di questa pellicola americana diretta in Germania è Trappola d'Acciaio - Sei Pronto a Giocare?, il che è tutto un dire. Sì, insomma, ancora una volta le filiali di distribuzione italiane si fanno riconoscere appioppando improbabili nomi ai prodotti cinematografici importati, ma questa volta è solo un bene. Il titolo è poco invitante? Lasciate pure il DVD sugli scaffali!
Ah, per la cronaca, anche se si chiama "Trappola d'Acciaio" non è un film di/con Steven Seagal. Non c'entra nulla con i vari Trappola in Alto Mare, Trappola sulle Montagne Rocciose e Trappola nella Fabbrica delle Trappole, ragion per cui se siete fan del celebre armadio a muro col codino cercate altrove.

Premesse (Spoiler Edition)

Trappola d'Acciaio si svolge in un grattacielo abbandonato. In uno dei piani alti si sta tenendo una festa di fine anno squallida come poche, più precisamente in uno stanzino privo di tavoli e sedie animato da un discreto numero di persone che danzano sulle stonatissime note di una band abbastanza anonima. Inizialmente ascoltare la voce del cantante sembra un supplizio, ma sfortunatamente il film punisce lo spettatore passando a ben peggio: la presentazione dei protagonisti. Presto arriverò con la lista descrittiva dei beoti, prima lasciatemi proseguire un filino nella trama. Questi scimuniti ricevono inaspettatamente un sms che li invita ad un party privato raggiungibile inserendo un codice nell'ascensore fuori servizio dell'edificio e, poiché non ci sono alternative migliori, i nostri eroi si fiondano a destinazione, trovando palloncini colorati, un piccolo vassoio con dei dolci e, finalmente, sedie. Ah, scovano anche bigliettini con i loro nomi e le rispettive qualità.
Passiamo dunque alle presentazioni, ecco i magnifici sette (deficienti).

  1. Kathy è la conduttrice di un programma di cucina stile La Prova del Cuoco, Mezzogiorno di Cuoco e Non Scherzate con il Cuoco. Non gliene frega nulla di nessuno, schiva qualsiasi contatto umano con le altre persone... Oh, ho scritto schiVa? Diciamo pure "schiFa"! Sul suo bigliettino c'è scritto che è una "perdente".
  2. Adam è un drogato erotomane simpatico quanto una scarpata in faccia. Curiosamente, sul suo bigliettino c'è scritto proprio "porco".
  3. Wade è il cantante mancato che si esibiva alla festa. Sempre impegnato ad apparire "splendido", è un fan di Kathy e continua invano a corteggiarla. Sul suo bigliettino c'è scritto "dongiovanni", ma anche "campana inascoltabile" ci sarebbe stata bene.
  4. Nicole è una donna priva di sentimenti e pensieri propri. Una statua, praticamente. Anche se è fidanzata con un certo Robert, durante la festa si lascia strappare un bacio dal buon Adam, così, perché tanto non gliene fregava una mazza. Sul bigliettino c'è scritto "senza cuore", ma penso che anche in fatto di "cervello" non è messa bene.
  5. Robert non è stato tecnicamente invitato ma, essendo il cavaliere/zerbino di Nicole, si è imbucato all'evento. Aveva in progetto di proporre il matrimonio alla compagna quella sera stessa però, dopo aver assistito al bacio tra lei e l'inguardabile Adam, si è sentito un po'... beh, direi che è chiaro!
  6. Melanie è una... come posso dirlo senza ricorrere alle volgarità? Dannazione, diciamo "ragazza facile", anche se non rende proprio l'idea. Basti pensare che, all'inizio del film, cerca di portarsi a letto Wade e viene respinta con un "sei una baldrH". Ha accolto il complimento con un sorriso ed un inquietante "lo soooooo". Anche lei non è stata invitata, ma si imbuca alla festa perché, giusto poco prima, ha "conosciuto meglio" l'insopportabile Adam.
  7. Pamela è una produttrice capace solo di stressare Kathy proponendole uno show tutto suo blablabla. Ogni sua frase nel film è un invito destinato alla Clerici dei poveri che, al contrario, è interessata all'offerta quanto un tacchino ad una padella. Sul suo bigliettino c'è scritto "doppia faccia".

Questi sono i protagonisti di Trappola d'Acciaio. Ora ditemi, chi salvereste voi dalle atroci sofferenze che stanno per affrontare? Uhm, forse Robert, un pochino, giusto per pietà... ma no, in fondo anche lui è insopportabile!



Il rapporto che si instaura sin da subito tra i personaggi è fantastico, fenomenale. Si odiano letteralmente, dando vita a sequenze che ricordano molto i talk show della De Filippi. Ma non litigano per questioni particolari, proprio SI SCANNEREBBERO A PELLE!

Invitato 1: "Mi fai schifo, buttati sotto un tram!"
Invitato 2: "Ma chi ti credi di essere, buffone? Anzi, chi sei? No, davvero, non ti ho mai visto prima!"
Invitato 3: "Se non la smettete vi taglio la gola!"
Invitato 4: "Siete solo un branco di maniaci! Vi auguro la morte! Vieni, invitato 5, andiamocene per cavoli nostri!"
Invitato 5: "Vacci da solo, non ti sopporto proprio!"
Invitato 6: "Parole sante, anche se dette da una nullità!"
Invitato 7: "Io non ero stato neanche invitato..."

Fantastico, vero? E quando i dialoghi non sono così shakespeariani, è solo perché entra in gioco il fattore "paura". Peccato che i beoti di Trappola d'Acciaio si spaventino esageratamente per un nonnulla.

Sei Pronto a Giocare? (Spoiler Edition)

Per colpa di Saw, ormai il termine "giocare" è fin troppo ricorrente negli slasher, e Trappola d'Acciaio non fa eccezione.
I sette deficienti prendono una pausa dal riempirsi di offese perché il simpatico Adam offre della cocaina a tutti, trasformando la pellicola in "Biancaneve e i Sette Nasi" (ok, era terribile, ma abbiate pazienza, a forza di guardare ciofeche il mio cervello non risponde più). Dopo il pacifico break, il gruppo mangia i dolci posizionati sul vassoio in centro al tavolo e... sorpresa! Sul tovagliolo sopra il quale erano posti i pasticcini c'è una specie di filastrocca/indovinello a tema di suini. Insomma, i nostri eroi pensano di essere in una caccia al tesoro e, seppur chiedendosi dove sono, perché si trovano là, chi li ha invitati, perché proprio loro e come mai c'era solo uno schifosissimo vassoio di pasticcini come banchetto, decidono di stare al gioco. Il 60% del film è composto infatti da sequenze nelle quali i protagonisti gironzolano per anonimi corridoi litigando inutilmente tra loro e, poiché ho intenzione di omettere questi passaggi noiosi onde evitare di ripetere all'infinito "girano e litigano", potrei già passare al finale! No, via, ci sono altri eventi degni di nota (seh, come no)...
I protagonisti raggiungono la prima destinazione, trovando una testa di maiale con un nuovo messaggio. Anche se la testa è palesemente finta, gli attori si impegnano al massimo per fingere che sia vera e, di conseguenza, si comportano come se avessero appena assistito ad un massacro di massa. Frasi come "basta, non voglio più giocare", "è terribile, che schifo" e "meglio morire che rimanere qui e morire" si sprecano. Da segnalare un pezzo da Oscar capace di riassumere in parte ciò che ha da offrire il film. Melanie nota una collana penzolante dalla bocca del maiale e, superato un precedente momento di terrore, dà vita al seguente scambio di battute.

Melanie: "Guardate che belle perle!"
Nicole (con sdegno): "Sono di plastica." (si gira e se ne va)
Melanie (con sguardo da "ADESSO TI METTO LE MANI ADDOSSO"): "Beh, a me piacciono lo stesso!"

Eh già, lo sceneggiatore se l'è proprio guadagnata la pagnotta, vero?
Il messaggio comunque invita i protagonisti a cercare un luogo dove scorre l'acqua; di conseguenza, il gruppo si divide, più per quieto vivere che per trovare la nuova destinazione. Adam sente una canzoncina sui maiali ed indaga di conseguenza. No, un momento. Ci sono sette persone su quel piano, perché SOLO LUI sente la canzoncina? Vabbé, lasciamo perdere. L'imbecille segue le note e raggiunge una stanza buia, quindi si accende una sigaretta e viene ucciso da un uomo mascherato ed armato di uncino. Anzi, no, non viene ucciso. Però muore. Oddio, che casino! Proviamo a spiegarlo bene. L'assassino aggredisce Adam alle spalle rendendogli impossibile la fuga, quindi gli inietta nel collo una sostanza paralizzante e gli cuce le labbra. Lo tiene in vita. Fin qui ci siamo? Ora spiegatemi perché gli altri imbecilli ritrovano Adam appeso a testa in giù MORTO! Perché l'assassino lo ha dovuto paralizzare? Che diavolo, uccidilo e basta! Mi rendo conto che qualcuno di voi penserà "ma quanto rompi, Scream! Magari il killer è un sadico che adora far soffrire le persone!", ma posso assicurarvi che non è questo il caso, in quanto le vittime successive creperanno di morte violenta, senza troppi fronzoli e cerimonie.



La seconda a cadere in Trappola d'Acciaio è Melanie l'imbucata. La zozzona raggiunge disperata un ascensore, cerca di filarsela e, dopo appena 10 secondi, finisce impiccata. Il tutto ad una velocità impressionante. Anche se contesto e dialoghi non sono d'accordo, quasi sicuramente Melanie si è suicidata infilando la testa in un cappio improvvisato posto a penzoloni dentro l'ascensore o, in alternativa, è stata trucidata da Superman a tempo di record. Quando gli altri imbecilli la trovano (appunto 10 secondi dopo l'ingresso della zozzona nell'ascensore), per ringraziare lo spettatore giunto fino a questo punto del film senza lanciare il DVD a mò di frisbee, Kathy regala una trashosissima ed indimenticabile sequenza! Di fronte al cadavere ciondolante, la Clerici dei poveri si getta a terra in preda ad un tarantolatissimo attacco epilettico. Dopo 20 secondi intensi, la protagonista si rialza come se niente fosse. Niente fase post-attacco, niente shock dovuti alla scoperta del cadavere, nessuna parola spesa al riguardo per giustificarsi con gli altri o per prevenire un'eventuale ricaduta. Ma sì, è stato solo un tic nervoso! C'è chi, mentre parla, si gratta la testa, chi aggrotta un ciglio, chi gesticola estremamente e chi si getta a terra in preda alle convulsioni.

No, no, ci vuole un break. Si può sapere in che mondo vive lo sceneggiatore di Trappola d'Acciaio?

  • Trova interessanti e curiosi personaggi muniti di una personalità vuota e contraddittoria;
  • Il 90% dei dialoghi che scrive è composto di litigi ed accese discussioni nate dal nulla e per nulla;
  • Considera le crisi epilettiche un passatempo costruttivo utile a scaricare lo stress;
  • È un accanito sostenitore del "Se non circolano droghe pesanti, il film non è adulto e maturo";
  • Ritiene poco importanti in uno slasher il come, il quando ed il perché muoiono i personaggi, ciò che conta è che tutto avvenga a causa di un sadico "gioco".

Possibile che lo sceneggiatore stesso sia un tossicomane ignorante e brufoloso, un fan della serie Saw - L'Enigmista pieno di soldi che frequenta gentaglia intrattabile per litigare ogni santo giorno? Mah, non siamo qui per giocare al "piccolo psicanalista", purtroppo.

Vaccate d'Acciaio (Boring Spoiler Edition)

Trappola d'Acciaio trascina faticosamente lo spettatore verso il finale quasi costringendolo ad accettare una serie di eventi malcostruiti ("quasi", perché nulla ci proibisce di spegnere il lettore DVD e di dedicarci ad attività più spassose e coinvolgenti come, non so, addestrare formiche o fotografarsi le natiche). Disperati e confusi, gli iracondi protagonisti del film si prefissano finalmente un obbiettivo: scappare. Dopo aver trovato un passaggio murato dietro ad una porta in metallo robusta forzata con un piede di porco (un gentile regalo dell'assassino. Chi non proverebbe un po' di pena per quei poveri deficienti incapaci?), i nostri eroi decidono di passare al piano sottostante calandosi dall'ascensore. Durante l'impresa, però, la produttrice "doppia faccia" viene rapita dal killer e, assurdo ma vero, nessuno se ne accorge subito. La dinamica degli eventi? Ecco a voi.

  • Il gruppo dal piano A comunica "sta arrivando la produttrice"
  • Il gruppo dal piano B dà l'ok
  • La produttrice si cala
  • L'assassino sbuca fuori da un passaggio segreto posto nel tunnel verticale dell'ascensore e, silenziosamente, rapisce miss "doppia faccia"
  • Gruppo A dà vita ad un altro insensato litigio per cause prive di importanza
  • Gruppo B dà vita ad un altro insensato litigio per cause prive di importanza
  • Il gruppo A raggiunge il gruppo B
  • Dopo X ore nascono i primi dubbi: "ma dov'è la produttrice?"
  • Si ipotizza sia caduta, indi via, verso nuove e mirabolanti avventure!
  • Kathy tira un sospiro di sollievo al pensiero di non dover più ascoltare le pressanti richieste della produttrice. Già, anche se non l'ho evidenziato, miss "doppia faccia" approfittava di ogni occasione per proporre un nuovo contratto televisivo alla Clerici dei poveri. Immaginatevi conversazioni tipo:
    Kathy: "Aaaaah! Un cadavere!"
    Pamela: "Oddio, che impressione! Comunque stavo dicendo, si tratta di uno spettacolo a più rubriche..."


Passiamo oltre.
Il superteam di imbecilli approfitta della situazione per dividersi e cercare un'uscita nel nuovo piano quando, sui vari schermi posizionati un po' a casaccio nei corridoi, appare la produttrice legata ed in lacrime. Mossi da compassione (Kathy esclusa), i protagonisti si mobilitano allo scopo di trovare la compagna di sventure ma, come è facile da immaginare, riescono a raggiungerla quando ormai è troppo tardi: l'assassino ha massacrato "doppia faccia" spaccandole la fronte in due con un'accetta. Non lasciatevi impressionare dalla descrizione violenta, gli effetti speciali di Trappola d'Acciaio non sono granché.
Il cantante, la Clerici e Nicole raggiungono un nuovo piano servendosi delle scale di emergenza ed imboccando l'unica porta priva di rete elettrificata (l'assassino ne ha piazzate un po' a casaccio), mentre Robert l'uomo-zerbino gironzola per cacchi suoi. Il trio scova una stanza dove il killer conserva dei dossier sulle sue vittime ed inizia a sospettare di Robert che, guarda caso, li raggiunge proprio in quell'istante. Non riuscendosi a sopportare per più di due minuti, i quattro scimuniti si ri-dividono a due a due, ma la mossa servirà a poco, giacché il cattivo li addormenterà TUTTI. Avete capito bene? Il villain addormenta le sue rimanenti quattro vittime. Se voi foste al suo posto, che fareste? Dareste vita ad un massacro, giusto? Li accoppereste tutti in un sol colpo! Ma NO, non il nostro assassino! L'unica ad essere portata via è Nicole la "senza cuore" e, ironicamente, viene lasciata su un tavolaccio da cucina dopo un preciso e minuzioso lavoretto di chirurgia che prevede:

  1. La rimozione del cuore
  2. Il posizionamento del cuore nella bocca della vittima

Gli effetti del narcotico svaniscono. Robert ed il cantante sono stati rinchiusi in una gigantesca "cella", mentre Kathy si trova dietro a delle tubature. La ragazza si assume il compito di trovare un'uscita e di liberare i due uomini, ma i suoi sforzi non verranno ripagati. Robert trova la chiave della cella nelle sue tasche e, per questo, viene ucciso dal cantante, sempre più sospettoso della effettiva innocenza dell'uomo-zerbino.
FINALMENTE siamo alle battute finali.
Kathy e Wade (sì, era questo il nome del cantante) riescono a fatica ad uccidere l'assassino colpendolo coraggiosamente alla schiena. La Clerici dei poveri gli leva la maschera e, sbigottita, esclama:

"Ma è il mio più grande fan! Lo vedevo sempre tra il pubblico durante i miei show!"

Nonononono, fermi tutti. Cioé, vorreste farmi credere che l'artefice di tutto è uno svalvolato basettone malatissimo de La Prova del Cuoco? Ebbene sì, questa è la verità che ci viene proposta da Trappola d'Acciaio la prima volta. Poiché Wade è ferito, Kathy getta la maschera e rivela di essere lei la vera organizzatrice del party mortale, ma non pensate male, ha avuto le sue buone ragioni! Mio Dio, solo a ripensarci mi viene da piangere! Ok, troviamo il coraggio...
In passato Kathy era una lardona presa in giro da tutti e, naturalmente, aveva un altro nome. Ecco cosa le è successo.

  • Durante il college si era dichiarata a Wade ed è stata rifiutata
  • Durante il college, il bullo della scuola AKA Adam l'ha rincorsa e spinta in un bidone pieno di carne marcia
  • Era riuscita a fidanzarsi, ma Nicole le portò via il ragazzo
  • Aveva un'idea per un programma televisivo e Pamela l'ha prontamente rubata

Chiaro? Se a scuola avete conosciuto ragazzi/e obesi/e e li avete ingiustamente trattati male, guardatevi le spalle!
In poche parole, Kathy ha approfittato di ogni istante di solitudine per uccidere qualcuno con l'aiuto di un suo fan. Io invece approfitto del momento per affermare che Trappola d'Acciaio è un'immensa porcheria. E nemmeno ho voglia di pensare come sia possibile che nessuno dei protagonisti ha riconosciuto in Kathy la panzona del liceo.
Bah, al diavolo!

Conclusione

Una trama scontata, litigi noiosi, morti banali, effetti speciali contenuti e plasticosi, attori mediocri, personaggi irritanti... Potrei andare avanti per venti minuti! Trappola d'Acciaio non è il classico film horror inutile, è molto peggio. È tempo sprecato allo stato puro, un "vai in prigione senza passare dal Via", un concerto di Richard Benson, un remake di Scarface con Fabrizio Corona nel ruolo di Tony Montana...
Ricordate, se un film vi provoca chiedendo "Sei Pronto a Giocare?", rispondete sempre con un "No" secco e deciso.

Voto personale: 4
Voto trashosità: 6-
Voto splatterosità: 4

9 commenti:

  1. Una precisazione: la trama è talmente assurda che non la si può considerare scontata. Ma sono d'accordo sul definirla "porcheria".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, sì, ci sono picchi di assurdità nella storia davvero niente male, ma alla fine il concetto (persino forzato) di "gruppo di persone bloccato in balia di un misterioso serial killer" non è così originale. Con "scontato" mi riferivo a questo :)

      Elimina
  2. Questo film è una cacata mostruosa. Guardate Grotesque invece, oppure August Underground's Mordum o ancora, A Serbian Film. E magari guardate anche qualche chicca della serie Guinea Pigs. Oltre c'è solo lo snuff.... (ammesso che esista davvero ;)

    RispondiElimina
  3. io ero una panzona lardosa del liceo.mi è piaciuto.piacerà a tutti i panzoni lardosi del liceo che volgiono vendicarsi.muahahaha.farò un programma tutto mio,con mutanti dai corpi ottagonali che volano sulla gente e lanciano fiamme dagli occhi,intrappolerò i miei nemici all'ottavo piano di un palazzo e avrò la mia vendetta!!arimuahahaha.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ti farò da complice.��

      Elimina
  4. Beh almeno un pregio sto film lo ha avuto: farmi leggere la tua recensione che mi ha fatto scompisciare..
    Ciau

    RispondiElimina
  5. appena terminato di vederlo in tv :D ..ti dirò : è un film talmente demenziale che mi ha strappato + di qualche risata ..cmq sì ,bisogna ammetterlo .. il film è una ciofeca. Nota di demerito anche per la doppiatrice della psicotica assassina .. dispiace dirlo ma , dal mio personalissimo punto di vista , davvero inascoltabile.

    ps.le tue premesse mi hanno fatto sbellicare .. ciao !

    RispondiElimina
  6. no scusate ma nelle motivazioni degli omicidi quella certa melanie che muore per seconda non viene minimamente citata, sarà una svista dello sceneggiatore

    RispondiElimina
  7. Ogni volta che guardo un film horror orribile cerco info su internet, mi imbatto in questo blog e schiatto dalle risate. Dovrebbero mettervi in tv per commentare i film di questo genere :D

    Aggiungo che il finale di questo film è una cosa talmente inverosimile che non si può nemmeno definire finale a sorpresa.

    RispondiElimina