martedì 9 agosto 2011

Super 8, di J.J. Abrams (USA 2011)

Trama: 1979. Alcuni ragazzini sono impegnati nella realizzazione di un film horror amatoriale quando, inaspettatamente, sono testimoni di un terribile incidente ferroviario notturno. Nella loro cittadina inizieranno a verificarsi eventi misteriosi...



Porca l'oca, che fregatura! Chi ha seguito con attenzione lo sviluppo di Super 8 sa quanto il regista J.J. Abrams sia stato molto avaro nel fornire informazioni inerenti al progetto. Onde non rovinarmi alcuna sorpresa e speranzoso di trovarmi di fronte ad un potenziale capolavoro, mi son tenuto ben lontano dai trailer più recenti e dalle prime recensioni americane... grande errore! Non fraintendetemi, Super 8 non è poi così malvagio, ma se esaminiamo la scheda del film sull'immenso IMDB leggiamo, alla voce "Genres", "Mystery/Sci-Fi/Thriller". Mi aspetto dunque una visione carica di suspence, tensione ed alieni cattivi, ritrovandomi invece di fronte ad un prodotto che cerca di accostarsi alle avventure fantastiche teen anni '80 come I Goonies, Navigator o, perché no, ad E.T. - L'Extraterrestre di Steven Spielberg (qui impegnato in veste di produttore). Dunque, se non è una ciofeca e nemmeno un horror, che diavolo ci fa qui su Stroncando l'Orrore? Beh, ho speso 112 minuti della mia vita a guardarlo e, dovendo scegliere tra lasciarvi a bocca asciutta per un giorno o pubblicare una pseudorecensione, opto per la seconda alternativa. Giusto perché vi voglio bene, non per i soldi o la fama. Ricordatevi solo che, cliccando sui link e sui banner pubblicitari di questo blog, non prenderete nessun virus; ah, se vi piacciono i miei articoli, consigliateli a più persone possibile.

Movie in a Movie (i primi 15/20 minuti)

Come avrete intuito leggendo le righe poste sopra, i protagonisti di Super 8 sono dei ragazzini. Il film inizia con la morte della madre del personaggio principale, il giovanissimo Joe. Nemmeno due minuti di pellicola e siamo già ad un funerale? Ammazza quanta allegria! Comunque, Joe non ha proprio un rapporto idilliaco con suo padre, il vice-sceriffo della piccola comunità (interpretato da Kyle Chandler, meglio noto in Italia come il protagonista della serie tv Ultime dal Cielo. Ma sì, quella dove il tizio legge sempre il giornale del giorno dopo e cerca di salvare più persone possibile dalle catastrofi incombenti nonostante questo hobby non gli consenta di intascare un centesimo), a sua volta in cattivi rapporti con Louis, un ubriacone basettone che ritiene responsabile della morte della moglie.
Nonostante il fattaccio, Joe cerca di distrarsi assieme ad i suoi amici prendendo parte al progetto del chiattoncello Charles e svolgendo le mansioni di truccatore/addetto agli effetti speciali per un film horror amatoriale sugli zombie a metà via fra Casablanca e La Notte dei Morti Viventi. Poiché Charles vuole seguire le tendenze cinematografiche ed aggiungere un po' di romanticismo nel suo mutevolissimo script (cambia circa ogni 15 secondi), nel cast si aggiunge Alice, la figlia dell'alcolizzato Louis (interpretata da una magnifica Elle Fanning, sorella minore della più nota Dakota Fanning... presente la bambina odiosa nel remake de La Guerra dei Mondi? La Jane dell'orribile saga cinematografica di Twilight? Bene, quella è Dakota, mentre qui abbiamo sua sorella) dotata di una innata capacità nel campo della recitazione. La banda si incontra per una ripresa notturna nei pressi di una casupola abbandonata costeggiante la ferrovia e, inaspettatamente (vorrei ben vedere), assiste ad un disastrosissimo ed esplosivo incidente tra un treno ed un furgone. Tra le macerie, i ragazzini trovano alcuni stranissimi minerali a forma di cubo di Rubik ed un professore di biologia che, in fin di vita ed armato di rivoltella, consiglia loro di scappare e di non dire nulla a nessuno se non vogliono mettere in pericolo la propria vita o quella dei rispettivi familiari. I giovini fuggono alla vista di alcuni militari mandati a pattugliare la zona e... basta così.


Come sarebbe a dire "basta così"?

Come già detto, Super 8 non è poi così brutto, ragion per cui non vedo perché spoilerare la trama e rovinare la visione a chi potrebbe apprezzarne i contenuti. Tenete solo presente che il film è un'avventura fantastica per famiglie o, come me, rischiate di rimanere un poco delusi aspettandovi un tipo di spettacolo e ritrovandovi di fronte a tutt'altro.
Ok, dài, spendiamo qualche parolina aggiuntiva un po' spoilerosa!

E.T. Telefono Casa Sfascia Città (Random Spoiler Edition)

Nella storia di Super 8 è possibile trovarsi faccia a faccia con diversi cliché triti e ritriti. Basti pensare al giovane protagonista orfano da poco, al difficile rapporto tra lui e suo padre (ovviamente tutto casa e lavoro), all'immancabile simil-love story ingenua tra Joe ed Alice minata dai dissidi tra i rispettivi genitori ed all'alieno messo nel cestino della bicicletta che consente al personaggio principale di volare. Ehm, no, quest'ultima scena non c'era, scusate.


Contrariamente a quanto ci aspetteremmo da una trama del genere, l'alieno non è piccolo e goffo, né si nasconde da Joe per allontanarsi dalle mani di scienziati e militari, anzi! L'extraterrestre è ben felice di scontrarsi con gli umani ostili e di trasformare un paesino pacifico e tranquillo in un campo di battaglia acceso e (anche se solo sulla carta) sanguinolento.
In Super 8 ho trovato molto discutibili gli espedienti narrativi impiegati per legare le sequenze chiave tra loro. I ragazzini hanno letteralmente il mondo ai loro piedi, possono fare tutto quello che vogliono senza che qualcuno li tenga d'occhio o li rimproveri. Alice ruba la macchina di suo padre in più occasioni senza nemmeno avere la patente, i ragazzi si incontrano di notte mentre i rispettivi genitori non si accorgono della loro assenza, la banda se la svigna durante l'evacuazione della città senza dare nell'occhio... va bene, è un titolo per ragazzi, ma a tutto c'è un limite credo.
Nella versione originale del film ci sono alcuni errori grossolani nei dialoghi. Considerando che siamo nel 1979, come è possibile che un fricchettone spinellone si preoccupi dello stato dei propri cd? Con cosa li ascolta, con il tostapane? E perché in questa pellicola viene menzionato il Nintendo DS quando, nel 1979, era appena terminata l'era dell'Odyssey (la prima console casalinga di videogiochi della storia) e, a malapena, c'erano in commercio le varie versioni di Pong? Come fanno i protagonisti a conoscere a menadito My Sharona dei The Knack se la canzone stava per uscire (estate 1979)? Roba da far impallidire Doc di Ritorno al Futuro... Grande Giove!
Ci sarebbe un'altra scena da bacchettare, ma non posso sproloquiare granché in quanto riguarda il finale. Per chi avesse già visto il film, dico solo che il ragazzino con l'apparecchio in teoria avrebbe dovuto perdere in un sol colpo tutti i denti, almeno stando all'evoluzione delle cose...

Concludendo

Super 8 è un film per tutti che ricalca tematiche mai usate, come i valori dell'amicizia e della famiglia o la necessità di abbandonare il dispiacere dovuto alla perdita di una persona importante per tornare ad abbracciare la vita. Uhm... ok, forse non sono proprio messaggi originalissimi.
Se siete fan di tutti quei filmettini anni '80 che hanno coronato l'infanzia di molti (tipo appunto i già citati The Goonies e Navigator) ed avete messo su famiglia, questa pellicola fa per voi. Dite al/la partner "l'ho scelto per nostro figlio" e gettatevi pure nella nostalgia (comunque un po' contaminata da scelte stilistiche moderne). Se cercate un horror, un thriller, uno sci-fi bello teso, un film maturo, un po' di azione, dello splatter, una televendita od un cartone animato, invece, potete tranquillamente evitarlo.

Voto personale: 7-
Voto trashosità: 3 (giusto la presenza del piccolo chiattone e degli errori "temporali")
Voto splatterosità: -100 (sangue? In un film per ragazzi? Non scherziamo)

4 commenti:

  1. J.J.Abrams a mia opinione a delle idee molt belle, pero quendo le mette in pratica si dimostra in totale incapace.
    Decisamente per me a sbagliato mestiere, lui deve lanciare le idee e lasciare agli altri lo sviluppo.
    Questo film mi e piaciuto forse perche appunto di Abrams non c'e nulla, e un omaggio al genio si Spilberg, e in un mondo cosi brutto come quello di oggi, un film sui buoni sentimenti non fa male


    Spaulding

    RispondiElimina
  2. Mah.... J.J.Abams è stato bravissimo insieme a Spilberg! Mi piacciono molto i suoi film e ne ho un bel po a casa. Sinceramente a me mi è piaciuto molto! La storia, i sentimenti, le avventure....Poi quei ragazzi sono ancora giovani e non si può pretendere che recitino alla perfezione! Poi secondo me sono stati bravissimi! Cioè prendi Elle( Alice ) è stata magnifica; e vogliamo parlare di joel( Joe ) che è stato il suo primo film? Quando l'ho saputo sono rimasta a bocca aperta, non ci potevo credere. La colonna sonora poi... stupenda *-* Io, che ho ben 16 anni, me ne sono innamorata di questo film! Pur piacendomi film horror e quant'altri.... e così lo pensano moltissime persone anche più grandi di me! Cmq i gusti sono gusti :) Semplice opinione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbé, mica l'ho stroncato ferocemente (7- è un bel voto :D ). Anzi, se ti piace questo genere di film, ti consiglio (sempre se non lo hai già fatto) di ripescare alcuni classici per ragazzi degli anni '80 come i già citati I Goonies e Navigator :). Dagli un'occhiata, percepirai ancora più fortemente le stesse sensazioni che Abrams cerca di trasmettere agli spettatori con Super 8.

      Elimina
  3. Una cosa positiva è stata la scena dell'incidente ^^ Boh,comunque sono d'accordo con il voto,anche perchè non sono appassionata dei film sugli alieni

    RispondiElimina