mercoledì 28 marzo 2012

Guida ai sottogeneri dell'horror - Quinta Parte

Rieccoci nuovamente insieme per la quinta volta grazie alla Guida ai Sottogeneri dell'Horror di Stroncando l'Orrore. Dopo aver gettato uno sguardo sui lycanthrophy movie, sui monster movie, sui porn horror e sui reality horror, oggi espanderemo la guida aggiungendo una voce agli shockumentary, agli slasher movie, agli snuff ed agli immancabili splatter. E mi raccomando, ricordate sempre che un film dell'orrore può incorporare contemporaneamente due o più sottogeneri. Detto questo, partiamo!

Shockumentary

Anche se si pronuncia "scioccumentari", gli shockumentary sono tutto fuorché demenziali e divertenti. Per descrivere con che genere di film abbiamo a che fare, ricorrerò ad un esempio esplicativo. Immaginate di vivere in una famiglia ultracattolica che, ogni domenica mattina alle 6:00, vi sveglia a suon di sberle per trascinarvi a messa nonostante la sera precedente siete tornati a casa alle 5:00 AM con in corpo quindici Moretti da 66cl, tredici Bacardi Breezer, nove Gin Lemon, quattro Cuba Libre ed un Mojito. Ora visualizzatevi mentre, in chiesa, continuate a perdere fluidi richiamando l'attenzione del parroco locale e spingendolo ad improvvisare un esorcismo su di voi. Mettiamo quindi caso che questa scaletta si ripeta ogni singola domenica, fino a quando un giorno non esprimete il desiderio di condividere le vostre sofferenze col mondo intero girando gli eventi con una videocamera. Ecco quindi che date vita ad uno shockumentary, ergo un documentario autentico il cui scopo è quello di evidenziare gli orrori appartenenti alla vita reale e snobbati dalla maggior parte delle persone che, pur di non ritrovarsi ogni giorno a pensare ai bambini africani bloccati tra la guerra e la fame, mettono la coscienza in pace donando, via sms, un Euro all'anno all'associazione/truffa statale del momento.
Tengo a precisare che esiste una sotto-sottocategoria del genere shockumentary nota come shockumentary mondo. In sostanza sono reportage dove documenti autentici vengono mescolati con materiale fittizio creato dal regista o dagli sceneggiatori per ravvivare un po' le immagini sullo schermo. Ad esempio, potreste seguire un'autopsia condotta da due clown o "scoprire" che dietro all'ultimo attacco terroristico di tendenza si celano in realtà Batman ed il nonno di Heidi, realizzando verso il finale che sono la stessa persona. Ah, lo shockumentary mondo può essere anche "fantasia al 100%" (come i video didattici per stranieri intitolati "Italia, un Paese Democratico") ed assumere il nome di mockumentary, rientrando così nel sottoramo dei reality horror.

Schema-tipo

Beh, non esiste un vero e proprio schema/stereotipo degli shockumentary. Sono dei semplici documentari che alternano:

  • Eventi/realtà terrificanti
  • Interviste ad esseri terrificanti
  • Risse con personaggi potenti responsabili di fatti terrificanti pronti a passare alle mani pur di nascondere le proprie azioni
  • Opinioni terrificanti di esperti nel settore

Sono shockumentary: i documentari scomodi censurati da RAI/Mediaset, le avventure di Bear Grylls, i video sui backstage delle band glam rock degli anni '80, il seguente reperto.



Slasher Movie

Ah, qui andiamo sul classico! Una manciata di decenni fa, alcuni professionisti del cinema horror particolarmente pigri hanno pensato "perché mai dovremmo impegnarci per cavare fuori una storia spaventosa e complessa?". Nasce così lo slasher movie, ovvero una categoria di film dell'orrore costituita da omicidi in loop. Che diavolo significa? Bene, prendete un gruppo di giovini ragazzi e NON IMPEGNATEVI a dar loro una caratterizzazione degna di nota, quindi infilate nella trama un assassino misterioso, dopodiché limitatevi a mostrare come il cattivo elimina, ad uno ad uno, tutti i fessi protagonisti. Fine, questo è lo slasher movie, tipo di pellicola dove la recitazione, i dialoghi o eventuali intrecci nella storia contano meno di zero, mentre il sistema che impiega il killer di turno per accoppare le sue vittime è di vitale importanza. Prendete Venerdì 13, Nightmare, Scream, Non Aprite Quella Porta e Final Destination, quindi togliete gli assassini e le ambientazioni e riflettete su ciò che rimane. Ragazzi e ragazze che sbevazzano, si accoppiano selvaggiamente e spinellano a tutto spiano. Ecco, questa è la vera essenza dello slasher, il massimo comun divisore. Deludente, vero? E pensate che, con Final Destination in particolare, gli sceneggiatori erano così pigri da non aver messo nemmeno una figura concreta per rappresentare il "male"!
Se il vostro sogno nel cassetto è quello di scrivere e girare un film horror ma non avete voglia di far lavorare il cervello o la fantasia, buttatevi sullo slasher e siete a cavallo.

Schema-tipo

Tra tutti i sottogeneri dell'horror, gli slasher movie sono quelli caratterizzati dallo schema più "ricorrente". Ecco in sostanza cosa c'è da aspettarsi in un film appartenente a questo sottoramo.

  • Presentazione della protagonista (ragazza nell'80% dei casi, masculo nel restante 20%)
  • Presentazione della migliore amica della protagonista, del fidanzato, degli amici sbevazzoni, del netturbino, del panettiere di fiducia, del sindaco, della squadra di football del college, dei vicini di casa, di un barbone suonato, dell'amico di colore
  • Un misterioso assassino uccide l'amico di colore della protagonista (regola d'oro dell'horror: "il nero muore per primo")
  • Protagonista scioccata commenta l'evento con le amiche
  • L'assassino uccide il barbone suonato
  • Protagonista scioccata commenta l'evento con le amiche
  • L'assassino uccide il nettubino
  • Protagonista scioccata commenta l'evento con le amiche
  • L'assassino uccide il panettiere
  • Protagonista scioccata commenta l'evento con le amiche
  • L'assassino uccide il sindaco
  • Protagonista scioccata commenta l'evento con le amiche
  • L'assassino uccide i vicini di casa della protagonista
  • Protagonista scioccata commenta l'evento con le amiche
  • Svolta: la squadra di football del college, gli amici sbevazzoni, la migliore amica ed il fidanzato danno un festone a base di alcool
  • I giovini si 'mbriacano incuranti della notevole catena di omicidi abbattutasi sulla loro cittadina (qualcosa tipo "24 vittime in 48 ore")
  • L'assassino si autoinvita alla festa e, mascherato, compie un massacro senza precedenti
  • La migliore amica della protagonista si fa prendere dall'assassino per consentire al personaggio principale di scappare
  • La protagonista si trova di fronte al killer che, contrariamente a quanto ci si aspetterebbe, NON PROCEDE immediatamente all'esecuzione della ragazza! E no, prima deve legarla ad una sedia, poi rivelarle la sua identità, indi spiegarle le ragioni del suo gesto e solo DOPO passare all'azione
  • A questo punto dello slasher, la protagonista scopre che l'assassino è... (opzioni differenti)
  1. La sua migliore amica, incacchiata con la protagonista perché le ha fregato il ragazzo
  2. Il suo fidanzato, incacchiato con la protagonista perché è matto da legare
  3. Il papà della protagonista, incacchiato con la figlia perché sbevazza e si droga invece di studiare
  4. Il netturbino, incacchiato con la protagonista perché lascia sempre i sacchetti della spazzatura aperti
  5. Il panettiere, incacchiato con la protagonista perché non si decide mai a pagare il conto aperto ormai da diversi mesi
  • La protagonista lotta contro il killer che ha sterminato il 50% degli abitanti della cittadina dove si svolge il tutto e vince
  • Titoli di coda

Sono slasher movie: Le serie Nightmare, Venerdì 13, Non Aprite Quella Porta, Halloween, Scream e Final Destination, Le Colline Hanno Gli Occhi, X-Factor (i concorrenti vengono eliminati a tutto spiano, no? Più slasher di così...).



Snuff

I film snuff sono tecnicamente video amatoriali che riportano torture ed omicidi reali e, per qualche strana ragione, sono illegali. Per questo sul mercato è possibile trovare dei finti snuff realizzati ad arte che, con la violenza, cercano di eccitare alcuni spettatori psicologicamente malati e di disgustare gli altri. Onde apparire più realistici, i finti snuff vengono diretti con una videocamera economica imbracciata da un soggetto afflitto dal morbo di Parkinson; in questo modo, anche chi può vantare di avere uno stomaco forte si sentirà male guardando il film.
Gli snuff (finti o autentici che siano) sono privi di trama, attori, dialoghi sensati, registi competenti e colpi di scena. Insomma, da un certo punto di vista non sono film, eppure... sono comunque film!

Schema-tipo

Segue lo schema-tipo di uno snuff movie

  • ASSENZA DI TITOLI DI TESTA
  • Uno o più soggetti commettono atroci violenze ai danni di una o più vittime
  • La/le vittima/e viene/vengono uccisa/e brutalmente/e
  • ASSENZA DI TITOLI DI CODA

Insomma, gli snuff sono persino più scontati degli slasher movie.

Sono snuff: La serie August Underground, i primi due capitoli di Guinea Pig, anche se non pseudosnuff al 100% la Vomit Gore Trilogy di Lucifer Valentine (ergo Slaughtered Vomit Dolls, ReGOREgitated Sacrifice e Slow Torture Puke Chamber), i Tg nazionali che comunicano giornalmente agli italiani nuove tasse e rincari dei prezzi (una nuova frontiera del cinema, ergo lo snuff 3D dove la vittima è lo spettatore).




Splatter (gore)

Questa è una voce "particolare" della guida. Generalmente, nel mondo del cinema i termini "splatter" e "gore" vengono utilizzati per indicare la presenza di scene sanguinolente di alta macelleria nei film, ma oggi penso che questo concetto sia superato. Ormai "splatter" identifica un sottogenere, basta notare la quantità di appassionati in costante ricerca di pellicole pregne di frattaglie umane sparse sul set, ergo gli splatteromani. Da qui è facile dedurre che

Appassionati cercano assiduamente pellicole con tanto splatter ---> "Splatter" diventa un sottogenere

Da una parte abbiamo dunque slasher, torture porn ed altri tipi di horror che si distinguono per la presenza di numerose scene gore, dall'altra pellicole che puntano solo ed esclusivamente sugli effettacci speciali come arti mozzati, vasche di sangue, vomito a fiumi e via dicendo. Uno splatter movie puro (ergo appartenente al secondo caso descritto nella frase precedente) se ne frega altamente della qualità della storia e della recitazione e punta soprattutto sulla quantità di liquido rosso presente addosso agli attori. Se vi piacciono questo tipo di pellicole avete due opzioni:

  1. Rivolgetevi ad un bravo psichiatra
  2. Aprite un blog ed iniziate a stroncare film horror di scarsa qualità

Io la mia scelta l'ho fatta (gli psichiatri sono molto cari al giorno d'oggi).

Schema-tipo

Se consideriamo solo gli splatter movie puri, lo schema-tipo è così riassumibile

  • Scena-pretesto per mostrare dettagli macabri e sanguinolenti
  • Scena-pretesto per mostrare dettagli macabri e sanguinolenti
  • Scena-pretesto per mostrare dettagli macabri e sanguinolenti
  • Scena-pretesto per mostrare dettagli macabri e sanguinolenti
  • Scena-pretesto per mostrare dettagli macabri e sanguinolenti
  • Scena-pretesto per mostrare dettagli macabri e sanguinolenti

E così via, fino ai

  • Titoli di coda

Sono splatter: le serie già citate di Guinea Pig, August Underground e Vomit Gore Trilogy, Splatters - Gli Schizzacervelli, Planet Terror, i documentari sugli emo, i concerti dei Kiss, il video che segue questa lista (attenzione, è vomit-gore estremo!).




Si conclude così anche la quinta parte della Guida ai Sottogeneri dell'Horror di Stroncando l'Orrore. Non perdetevi il prossimo appuntamento dove, per la vostra gioia, finalmente concluderemo questo lunghissimo special.
Non mancate! Oppure sì, decidete voi...

6 commenti:

  1. Scusa se mi permetto, ma hai omesso la parte clou dei film snuff...
    La ragazza viene legata ad una sedia e presa a schiaffoni!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah... proprio la parola "schiaffoni" dovevi usare? Ora non riesco a fare a meno di associare la parola "snuff" alla figura di Bud Spencer! Un momento... Ma allora i film di Bud Spencer e Terence Hill sono dei finti snuff? Se penso a tutti quei poveri stuntman messi sul set solo per prenderle e ruzzolare... O_o

      Elimina
    2. Sarà il dialetto romagnolo che mi influenza!
      In effetti a pensarci, i loro film potrebbero quasi sembrare dei finti snuff... Però alt! Ci sono gli schiaffoni, ma non ci sono le ragazze legate: un particolare fondamentale ed immancabile :D

      Elimina
  2. Ciao..io amo gli horror ma soprattutto gli slasher e gli splatter e penso che nella categoria slasher dovresti indicare meglio il fatto che per essere il killer si deve avere obbligatoriamente una maschera..esempio Jeson..Freddy o il killer di So cosa hai fatto! :)
    A e ovviamente Ghostface

    RispondiElimina
  3. Chi guarda gli snuff è malato

    RispondiElimina
  4. Freddy non ha maschera

    RispondiElimina